tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

QUELLA STRANA IDEA DI BELLO

 


Autore François Jullien
Editore Il Mulino, Bologna
Prima edizione 2012
Pagine 180
Titolo originale Cette étrange idéè du beau 
©  2010 by Grasset & Fasquelle, Paris
Traduzione (dal francese) di Bernardo Piccioli Fioroni e Alessandra De Michele
N. ISBN 978-88-15-23743-9

«Bello» può esprimere ciò che riconosciamo piacevole ai sensi («una bella canzone») o ciò che suscita ammirazione e soddisfazione («una bella serata»). Come sostantivo, «il bello» designa invece il concetto astratto, la specificità stessa della bellezza. Se però andiamo oltre il senso comune occidentale, scopriamo che non è ovunque così. La cultura cinese, per esempio, non distingue fra l'attributo concreto e il valore astratto, anche se poi ha finito per importare la nostra idea di bello proprio quando, alla fine dell'Ottocento, in Occidente se ne decretava la morte. Da questo decisivo scarto linguistico Jullien prende le mosse per condurre una raffinata riflessione sul valore relativo, i limiti e la specificità delle categorie di pensiero più consolidate.
François Jullien, filosofo e sinologo, insegna all'Università Paris Diderot (Paris 7). Fra le sue opere tradotte in italiano ricordiamo, pubblicate da Laterza, Pensare l'efficacia in Cina e in Occidente (2008) e L'universale e il comune (2010).

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014