tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>EDITORIA>MIO PADRE DANZAVA A SHANGHAI

MIO PADRE DANZAVA A SHANGHAI


Autore Bo Caldwell
Editore Neri Pozza, Vicenza
Prima edizione 2002
Pagg. 374
Traduzione (dall'inglese) di Giorgia Guerzoni
Titolo originale

The distant land of my father
© 2001 by Bo Caldwell
Published by Chronicle Books, San Francisco

A Shanghai, negli anni Trenta, i milionari amavano andare la sera al Cercle Sportif Français o al Cathay Hotel, al Venus Café, al Del Monte. Scendevano dalle loro lussuose macchine, guidata da giganteschi autisti sikh e, con le loro linde giacche bianche impregnate di Four Roses, Old Spice e fumo di sigari filippini, si riversavano nei night club, lieti di sperperare quattrini con irresistibili femmes exotiques in cheongsam verde smeraldo, con orecchini e tacchi a spillo in tinta, crème de menthe in mano e sigaretta verde tra le labbra.
Il padre di Anna, Joseph Schoene – villa con sette acri di terreno a Hungjao, cavalli da polo e cuochi cinesi, ufficio a due passi dal quartiere finanziario – erano uno di questi milionari. Non era però uno sprezzante Shanghailander, uno di quegli stranieri (banchieri, operatori di borsa, mercanti di cotone per lo più, spediti in Cina dalle grandi Compagnie occidentali) che non mettevano mai il naso fuori l’International Settlement o la French Connection, le zone della città in cui non erano soggetti alle leggi cinesi.
Joseph Schoene amava visceralmente Shanghai. Ne conosceva ogni via e ogni angolo: dal Bund, la grande arteria lungo il fiume dove si scaricavano merci di ogni tipo e i marciapiedi brulicavano di ogni sorta di ambulanti, ai vicoli più angusti dove i mendicanti se ne stavano rannicchiati nelle rientranze dei portoni a chiedere qualche spiccioli con il drago. L’odore acre del Bund, quel misto di pesce, rifiuti e fumo proveniente dai bruciatori a carbone delle navi, dai cotonifici e dalle centrali elettriche, apparteneva alla vita di Schoene esattamente come lo Chanel No. 5 di Geneviève, la sua bellissima moglie, o il profumo di gelsomino della piccola Anna…
Storia che, attraverso la voce narrante di una figlia, ci restituisce l’avventura di un padre capace di sperperare «più denaro di quanto molti guadagnano in numerose vite», Mio padre danzava a Shanghai è un romanzo attraversato, come la metropoli che descrive, dai contrasti più inconciliabili. Lusso e miseria, grazia e indigenza, amore e tradimento, passione e risentimento alimentano le sue pagine, che scorrono lievi e avvincono inesorabilmente finché, com’è stato scritto, «quando meno uno se l’aspetta, spezzano il cuore».

Bo Caldwell ha lavorato a lungo per il Washigton Post Magazine. Nata nel 1955 a Oklahoma City, ha insegnato scrittura alla Stanford University e ora vive in California. Mio padre danzava a Shanghai è il suo primo romanzo, accolto al suo apparire da una grande successo di pubblico e di critica.

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014