tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>EDITORIA>L'AMORE DI AI-UAN

L'AMORE DI AI-UAN


Autore Pearl S. Buck
Casa editrice Mondadori
Collana Gli Oscar
Prima edizione (Medusa) Settembre 1940
(Gli Oscar) Luglio 1968
Traduzione (dall’inglese) di Andrea Damiano
Titolo originale The Patriot

N. ISBN

978-88-545-0217-8

Allontanato dalla Cina per motivi politici, Ai-uan, un giovane cinese di antico ceppo, trova in Giappone una terra ospitale e persone amiche. Il matrimonio con Tama, la figlia del ricco commerciante presso il quale lavora, lo aiuta a inserirsi nel nuovo ambiente, che col passare del tempo gli diventa sempre meno estraneo. Allo scoppio della guerra cino-giapponese, Ai-uan e Tama rifiutano il conflitto che ritengono privo di senso: tentano con tutte le forze di viverne al di fuori, isolati dal mondo, timorosi che qualcosa di irreparabile possa rovinare la loro esistenza allontanandoli l’uno dall’altra. Ma la situazione si fa di giorno in giorno più tesa. Ai-uan è un cinese in territorio giapponese, e, pur legato alla nuova famiglia e al Giappone, sente tuttavia il dovere di tornare in Cina a difendere il proprio paese: impossibile continuare a ignorare la realtà, impossibile rifiutare la guerra. Attraverso le vicende dei due protagonisti, questo romanzo - pubblicato nel 1939 - svela tutta la cruda realtà del conflitto cino-giapponese, in uno snodarsi e accavallarsi di avvenimenti drammatici, ora improvvisi ora attesi, sempre profondamente umani.

Pearl S. Buck - nata Pearl Sydenstricker (Buck è il cognome del primo marito) - nacque a Hillsboro (West Virginia) il 26 giugno 1892 da una coppia di missionari americani che, quand’ella era ancora bambina, si trasferirono in Cina. La piccola Pearl fu nei primi anni affidata a una governante cinese che le insegnò la lingua e la storia cinese; e, insieme, l’amore e la comprensione per quella terra. Compiuti i suoi studi in America, ritornò in Cina ove rimase fino al 1932, scrivendo i suoi più celebri romanzi di vita cinese e insegnando letteratura all’Università di Nanchino. Il primo grande successo della Buck fu La buona terra (1931), che le ottenne il Premio Pulitzer per il migliore romanzo dell’anno. Nel 1934, stabilitasi definitivamente in America, ottenne la "Howells Medal" e nel 1939 il Premio Nobel. Dopo il 1934 la Buck si interessò alla vita contemporanea e ai problemi dei popoli di colore di tutto il mondo. Nel 1942, tornando alla ribalta internazionale il problema cinese, la Buck, con Stirpe di drago e col seguente La promessa che vi si ricollega, riprese con rinnovata ispirazione i temi dei suoi primi romanzi.
Negli ultimi Anni della sua vita si ritira a Danby nel Vermont, dove scrive pochissimo e dove muore il 6 marzo 1973.

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014